sabato 13 gennaio 2018

AMAZON AMMAZZA...




Lavorare fa male, ancora peggio se lavori in una moderna catena di montaggio distopica come quelle liquide interniane che tutti noi utilizziamo per risparmiare qualche soldo.
I modelli strutturali che il sistema turbo-capitalista del nuovo millennio ha messo in piedi hanno una caratteristica interessante, spesso sono amati dal grande pubblico, perché sono trandy, giovani, freschi, colorati e, soprattutto, non contemplano ideologie, sono proiettati nel modernismo più spinto, l'avanguardia del transumanesimo che verrà.
Amazon, call center di telefonia mobile, servizi online di ogni tipo, tutta la serie di lavori liquidi che stanno emergendo rappresentano il nuovo che avanza finalmente completamente liberato da lacci e lacciuoli di articoli 18, spazzati via definitivamente dai jobs act e da tutte le altre mazzate date ai lavoratori negli ultimi anni.
L'EXPO rappresentò una bella vetrina di questo nuovo paradigma che io chiamo dello schiavo moderno, colui che paga per lavorare gratis e sgomita per farsi più bello agli occhi del padrone di turno. I nuovi schiavi non hanno coscienza di classe, sono fieri di non aver ideologie, sono orgogliosi di essere senza prospettive, riescono solo a percepire il presente, e forse neanche quello, sono proiettati sul COME e mai sul PERCHE' si dovrebbe lavorare a gratis, felici e contenti.
A loro interessa COME poterlo fare, senza chiedersi il PERCHE', l'importante è esserci, è far parte della community, è l'evento che comanda, nuova egregora padronale che aleggia tronfia sulle nostre teste di cazzo.
AMAZON in fondo paga ancora i lavoratori, li paga sicuramente poco e male, ma almeno ancora paga, sfruttandoti e massacrandoti come in fabbrica, ma almeno paga, ecco perché lavorarci dentro è percepito come un lusso, come un vantaggio sociale sui coetanei che un lavoro non lo trovano o che sono impiegati gratuitamente a fingere di lavorare per qualche entità sovrastrutturale.
Caro vecchio STATO che fine hai fatto???
Trent'anni di destrutturazione delle politiche del lavoro hanno portato a questo scempio, complici i sindacati di regime, complici ed artefici tutti i partiti dell'arco costituzionale intero, la società stessa, ma soprattutto i cittadini che hanno scelto di essere schiavi e di vendersi per un piatto di lenticchie.
Aspettando un nuovo umanesimo, svegliamoci che è tardi, tardissimo...
MDD


Jeff Bezos è l’uomo più ricco del mondo, l’ultimo rendiconto ufficiale sul suo patrimonio netto lo fa ammontare a 90 miliardi di euro, più o meno.
Questa montagna di soldi l’ha accumulata con Amazon, di cui è fondatore e proprietario.
Amazon si presenta con spot pubblicitari buoni e compassionevoli, verso i bambini, i disagiati, gli animali di casa; per tutti c’è un prodotto utile che può essere consegnato in poco tempo, a chi lo ha richiesto, al prezzo di una organizzazione del lavoro e di uno sfruttamento da schiavi.
I 4.000 dipendenti del grande magazzino di Piacenza della multinazionale sono scesi in sciopero contro questa oppressione infame. Lo stesso hanno fatto i loro colleghi di Germania. In Gran Bretagna Alan Selby, giornalista del “Mirror”, ha lavorato in incognito nel più grande centro di Amazon in quel paese e ha raccontato la sua terribile esperienza.
Salari di fame e 55 ore di lavoro a settimana, per turni devastanti dove si deve correre tra gli scaffali per trovare, confezionare, consegnare prodotti. Si sviene e arrivano le ambulanze, e se non si torna presto al lavoro con il rendimento giusto si viene licenziati. I lavoratori sono bestiame al servizio dei robot, ha sintetizzato Selby.
Il padrone e fondatore di Ikea si chiama Ingvar Kartman, in gioventù è stato nazista, ora ha superato i novant’anni e ha lasciato la gestione del gruppo ai figli.
Assieme sono una delle famiglie più ricche del mondo, che ha abbandonato la Svezia per pagare meno tasse in Svizzera. Anche Ikea fa pubblicità simpatiche e progressiste, a favore di tutti i tipi di famiglie. Le sue dipendenti però la famiglia fanno fatica anche a vederla.
Una madre di due figli, uno dei quali disabile, è stata licenziata a Milano perché non poteva far fronte a un cambio di turni che le rendeva impossibile occuparsi dei suoi figli.
Questo atto feroce non è un caso isolato, ci ha pensato la stessa azienda a chiarire che esso è parte di un sistema organico di vessazione del lavoro. Infatti neanche una settimana dopo, a Bari, Ikea ha licenziato un dipendente per un ritardo di 5 minuti. E altri soprusi simili stanno finalmente venendo alla luce.
John Elkann è l’ultimo padrone della Fiat, ora Fca, erede e socio della grande e numerosa famiglia miliardaria, anch’essa indisponibile a pagare le tasse nel suo paese.
La gestione concreta del gruppo come si sa è affidata a Marchionne, che ha aumentato enormemente i guadagni suoi e i profitti della famiglia.
Nel 2019 l’amministratore delegato se ne andrà, ma la famiglia Agnelli continuerà ad accumulare miliardi. Lo ha sempre fatto, anche quando la Fiat non vendeva un’auto. I profitti di famiglia sono sempre stati la sola rigidità dell’impresa, tutto il resto è sempre stato flessibile, il lavoro prima di tutto. Oggi poi la flessibilità è in tempo reale. 
Così alla fine di ottobre la Fca di Cassino ha lasciato a casa 530 operai assunti a termine, con un semplice Sms. Perché sprecare un colloquio, una parola per delle merci sostituibili in qualsiasi momento? Questo sono e così vengono trattati i lavoratori di Fca. 
Questi supermiliardari sono vezzeggiati e incensati dai mass media e dagli intellettuali di regime. La politica si prostra i loro piedi. Così Bezos e compagnia controllano il mondo e le nostre vite. Sono straricchi perché in tanti sono poveri e sfruttati.
(Giorgio Cremaschi, “Bezos, Kartaman e Elkann: miliardari e schiavisti”, da “L’Antidiplomatico” del 30 novembre 2017).


Jeff Bezos non è solo l’uomo più ricco del mondo, dopo aver superato la vetta dei 100 miliardi di dollari grazie al “black friday”, impennata che ha relegato in seconda posizione Bill Gates, patron della Microsoft. L’uomo-Amazon, che ha inaugurato l’ultima generazione dei nuovi iper-miliardari, con «un ammontare di denaro diluviano e perennemente in crescita», è anche un cardine del potere “totale” dell’élite: il maxi-contratto da 600 milioni stipulato con la CIA, ricorda “Dedefensa”, gli ha permesso di acquisire una testata giornalistica leader come il “Washington Post”, che da quel momento ha preso di mira gli avversari geopolitici dell’intelligence, condizionando l’intero mainstream statunitense, a cominciare dal “New York Times”.
A questo si aggiunge «l’interessante maniera con cui Amazon si appropria di territori concreti, rispolverando il fenomeno della “città di una sola compagnia”», come al tempo in cui Detroit “apparteneva” alla General Motors. L’Institute for Policy Studies ha stabilito che i tre miliardari più ricchi possedevano quanto la metà più povera degli Stati Uniti. Grazie a Bezos, questo studio è sorpassato: perché il miliardario, nel frattempo, ha accresciuto la propria ricchezza di altri 20 miliardi di dollari. Nel mondo intero, i cinque miliardari più ricchi possiedono quanto la ricchezza della metà della popolazione mondiale, all’incirca 3,5 miliardi di persone.

«Bezos ha acquisito la sua ricchezza grazie allo sfruttamento della sua forza lavoro, circa 300.000 persone in tutto il globo», scrive “Dedefensa” citando il sito economico Wsws.org. «I lavoratori di Amazon guadagnano 233 dollari al mese in India, per una media di solo 12,40 dollari l’ora negli Stati-Uniti». I dipendenti hanno tutele minime, salari bassi, contratti flessibili e spesso temporanei, aggiunge “Dedefensa”, in un post tradotto da Vollmond per “Come Don Chisciotte”. 
A rischio, pare, anche le condizioni di sicurezza sul lavoro: «In settembre, quando Phillip Terry, di 59 anni, è stato schiacciato da un carrello elevatore in una fabbrica di Amazon a Indianapolis, il ministro del lavoro ha dichiarato che l’impresa potrebbe essere costretta a pagare 28.000 dollari d’ammenda. Bezos guadagna una cifra simile in un minuto, più dei suoi operai americani in un intero anno». La società, inoltre, «esige gli stessi privilegi dei governi del mondo, privilegi fiscali e altre agevolazioni gratuite in cambio della costruzione dei suoi magazzini». Amazon messo in competizione più di 200 città americane desiderose di diventare il secondo quartier generale della compagnia, ottenendo in cambio enormi donazioni. «Chicago, per esempio, ha offerto ad Amazon un “pacchetto di incentivi” da 2,25 miliardi di dollari, mentre Stonecrest, in Georgia, ha deciso di cambiare il suo nome in “Amazonie” e di nominare Bezos “sindaco a vita”».

Ma il binonio Bezos-Amazon, aggiunge “Dedefensa”, ha un tratto assai particolare, ovvero «la sua relazione estremamente forte e pubblicamente ostentata con la Comunità di sicurezza nazionale (Csn), e in particolare la comunità dell’intelligence». La sua collaborazione con la CIA è ormai palese, rileva il blog, dopo il contratto firmato nel 2013 tra Amazon e l’agenzia di Langley: 600 milioni di dollari, con i quali Bezos ha comprato il “Washington Post”, da allora divenuto «l’organo officiale della sicurezza nazionale (in particolare della CIA) e, durante la campagna Usa-2016, l’organo anti-Trump», in nome della posizione assunta dalla stessa Central Intelligence Agency. 
Una vera e propria luna di miele, con la CIA che «afferma apertamente la sua soddisfazione per questa cooperazione». Da registrare anche una visita ad Amazon altamente mediatizzata dal segretario alla difesa, James Mattis, «che ci permette di comprendere che anche il Pentagono amoreggi con Bezos». Ovvero: «Non si lavora più in segreto, come accadeva prima dell’affare Snowden». Secondo le fonti citate da “Dedefensa”, «Bezos ha trasformato la sua società in un organo semi-ufficiale dell’apparato di informazione militare americana». Amazon e la CIA hanno appena annunciato il lancio di un nuovo sistema di cloud “regione segreta”, nel quale la società ospiterà dei dati per la CIA, l’Nsa, il Dipartimento della difesa e altre agenzie di informazione militare.
Un portavoce della CIA ha recentemente qualificato l’accordo sull’acquisto del “Washington Post” da parte di Bezos come «la migliore decisione che abbiamo preso». Nel quadro delle spese militari approvate a novembre dal Senato, Amazon sarà tra i maggiori fornitori di attrezzature informatiche. «L’uomo da 100 miliardi di dollari – scrive “Dedefensa” – ha impiegato la propria ricchezza per esercitare un’influenza considerevole nei corridoi del potere. 
Quest’anno Amazon ha finanziato il governo federale sborsando più di 9,6 milioni di dollari». Bezos è ricorso alle pagine del “Washington Post” per promuovere l’agenda del Partito democratico. Il “Post”, sotto la gestione di Bezos, è stato uno dei principali difensori della campagna contro la Russia, pubblicando nel novembre 2016 la lista “PropOrNot”, «una finta compilation di agenzie di stampa presumibilmente “propagandisti russi” includente anche siti di informazione di sinistra». In più, Bezos «sta prendendo nettamente le distanze dal piccolo mondo dei super-ricchi, e soprattutto dai compari della Silicon Valley». Lo si evince «dall’affermazione quasi pubblica dei legami tra Bezos e il servizio di informazione ed eventualmente i militari», con la convinzione che la CIA sia priviligiata come interlocutrice principale.

Beninteso: «Tutta la Silicon Valley, dalla preistoria di Gates alla sexy-semplicità di Zuckerberg, ha sempre camminato a braccetto con la Comunità di sicurezza nazionale, Snowden ce l’ha ampliamente dimostrato». Ma con Bezos è un’altra cosa, continua “Dedefensa”: «La relazione è alla luce del sole, ambo le parti ostentano soddisfazione, e nulla ci può dire dove essa possa portare, né chi dei due domini l’altro; c’è un problema di preponderanza del potere». Secondo un analista come Robert Parry, il “Washington Post” di Bezos ha influenzato tutta la stampa mainstream, compreso il “New York Times” e gli altri grandi media occidentali, anche non americani. «L’isteria del Russiagate – scrive Parry – ha provocato un enorme abbassamento del livello giornalistico», per il fatto che i principali media statunitensi hanno ignorato le regole fondamentali nell’acquisizione di vere prove, prendendo per buone semplici vociferazioni sulla presunta interferenza russa nelle elezioni presidenziali. «Dato che la creazione di questa isteria antirussa, avviata dal 2013-2014 (Siria e sopratutto Ucraina), poteva effettivamente essere un obiettivo strategico della CIA, si può concludere che la missione sia stata compiuta. Ma a che prezzo?».
Quanto alla CIA, non può non destare attenzione «la sua maniera di uscire allo scoperto, come ha fatto e continua a fare, affermando pubblicamente la sua soddisfazione di “lavorare” con un tale partner». La CIA è incredibilmente potente, come lo stesso Bezos, rileva “Dedefensa”. 
Ma si ha l’impressione – rispetto alle operazioni che furono affettuate dall’agenzia nel primo mezzo secolo dalla sua fondazione – che si sia persa un po’ di quella “sottigliezza”, tipica del recente passato. «Tra questi due partner – conclude “Dedefensa” – ci sono diverse cose in comune: il potere, la brutalità, il cinismo, la falsa virtù affermata perentoriamente e, in breve, tutto ciò che caratterizza la politica-sistema dal 2001, ma ostentato, istituzionalizzato, ufficializzato, proclamato». 
Se si analizza il risultato dei primi 16 anni di geopolitica Usa a partire dalla data-spartacque dell’11 Settembre, osservando «questo mostro Bezos-CIA», secondo il blog «si ha un’impressione per certi aspetti temperata: la loro potenza combinata può dare la vertigine, ma la vertigine può anche generare errori di manovra e cadute ancora più brutali». L’unione tra Bezos e la CIA era nell’aria da tempo, ma «si tratta di un’unione eccessiva che nasconde in sé la chiave della propria autodistruzione».

22 commenti:

  1. http://tecnologia.tiscali.it/news/articoli/amazon-brevetta-specchio-smart-00001/

    RispondiElimina
  2. Quando io anni or sono scrivevo da Franceschetti che l'UNICO modo per liberarsi da questa schiavitù e sfasciare il sistema dalle fondamenta era, ed E', decretare che i soldi sono carta straccia e pretendere di avere TUTTO ciò che serve ad una vita dignitosa GRATIS in quanto esistenti su questo pianeta, tutti ridevano e facevano battute ironiche.
    Bene, allora cazzi vostri.
    Volete continuare a fare gli schiavi per due soldi alla mercé di questi stronzi farabutti? E chi vi ferma! Schiavi siete nati e schiavi restate.

    Volete vivere strozzati da paure, bollette e mutui? Affari loro, non me ne può fregare di meno, tanto non lavorerò mai per Bezos, la Fiat e l'anima deli mortacci loro.

    RispondiElimina
  3. In un discorso del 6 novembre 1933 Hitler disse: "quando un avversario dichara, non verrò dalla vostra parte, io gli rispondo con calma: tuo figlio è già dei nostri".
    "Aveva ragione Adolf Hitler quando affermò di infischiarsi delle poche persone ancora capaci di pensare con la loro testa, dato che aveva assunto il controllo delle menti dei bambini. Le persone che controllano il nostro paese sono convinte di poter perpetuare il loro dominio attraverso il controllo dell'educazione dei nostri figli." (educazione globale 2000).
    http://realtofantasia.blogspot.it/2014/04/sesso-bugie-e-controllo-mentale-cathy.html
    Amazon rappresenta un arma a doppio taglio, se da un lato è in grado e lo sarà sempre in misura maggiore in un prossimo futuro di offrire qualsivoglia tipo di servizio, è in grado quindi di sopperire (tamponare) il vuoto esistenziale che si è creato nell'epoca attuale, soddisfacendo come in una sorta di "sindrome della soddisfazione istantanea" ogni tipo di desiderio egoico o fabbisogno, dall'altro nella sua inarrestabile avanzata sta realmente usurpando sia il contesto lavorativo preparando psicologicamente le masse a ciò che sarà l'avanguardia di quello che potrà essere considerato il nuovo modello "schiavorativo"(lo schiavoro nasce dalla fusione fra il lavoro e la schiavitù) e al contempo sta mettendo fuori gioco la concorrenza, ovvero, tutte quelle realtà che si rifanno al mondo della media e piccola impresa (comprese quelle di Berlusconi che in un'intervista alla figlia Marina, a quanto parte Amazon, Microsoft e altre, stanno creando non poche difficoltà di sopravvivenza alle sue aziende, il pesce grande mangia il pesce piuù piccolo, Gurdjeff diceva che tutto si mangia e a sua volta tutto viene mangiato, in un rimescolamento continuo dell'eneriga cosmica) tutto ciò al pari di una mastodontica anaconda amazzonica che ingloba fagocitando chiunque sia li per sbarrargli la strada. Ma tutto ciò ha un senso da un punto di vista karmico, un sistema di ingranaggio una volta che ha acquisito slancio, tende per sua natura a girare sempre più vorticosamente fino a raggiungere il punto di massima saturazione, ed è solo quando il suo moto di rotazione avrà raggiunto il culmine potrà esaurire la sua spinta propulsiva. "L'estremizzazione di qualsiasi eggregora conduce per un effetto di controbilanciamento dell'equilibrio karmico al suo opposto". In sostanza questa fase di materialismo compulsivo che caratterizza questo ciclo storico sta gradualmente giungendo al termine, ma non senza conseguenze dolorose ed eventuali contraccolpi. E siamo soltanto all'inizio, negli scenari distopici pre-configurati sia nei cartoni animati di psicologia predittiva che nei film futuristici di fantascienza le multinazionali del calibro di Amazon,ecc... hanno preso il sopravvento su quasi tutti se non addirittura tutti gli aspetti della vita umana. E' il sogno (nell'accezione olografica del termine) o incubo (a seconda dei punti di vista) dell'uomo di questa epoca che si sta concretizzando sul piano materiale, collettivamente ci sono vari e potenziali futuri, e fra tutti questi come veniva spesso ripetuto in Highlander l'ultimo Immortale, "nè rimarrà uno solo", quale di questi futuri prenderà il sopravvento? le scelte di oggi determinano il futuro di domani. Se Amazon e altri colossi sono lì per assecondare ogni desiderio (di consumo) e ogni richiesta (di poter essere assunti a schiavorare), quali sono le responsabilità collettive se si è giunti a questi livelli? quali accordi sono stati stipulati a livello inconscio dalle masse?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Il NUOVO MODELLO SCHIAVORATIVO" (stupendo!).
      Lo "SCHIAVORO" è perfetto per descrivere ciò che viene chiamato inadeguatamente "lavoro".
      Schiavoro è uno dei tanti termini (speriamo se ne aggiungano sempre di più) da utilizzare come sostituti del FALSO linguaggio che dà adito a improprie IMMAGINI mentali e fraintendimenti concettuali.

      Il controllo "dell' educazione" dei bambini a cui ti riferisci è iniziato con il RAPIMENTO delle bambine da parte dei collegi sacerdotali patriarcali, per farne delle schiave, masochiste che garantissero la PATERNITA'-DEITA' di insicuri maschi. Con Sparta invece si manipolarono i maschietti per renderli crudeli e mandarli in guerre. Fino ai gesuiti, che affermano che un bambino consegnato a loro prima dei sei anni, APPARTERRA' per SEMPRE alla chiesa (alle loro mani criminali).

      Aggiungo che le scuole Steineriane, (come quelle che "dovrebbero"
      basarsi sul metodo Montessori...
      mero "sogno")
      credo siano ben lungi da Steiner. Personalmente so di una, fondata da un EMERITO CRETINO di mia conoscenza...GARANTISCO IO...:))

      Tiamat

      Elimina
  4. http://www.lastampa.it/2017/12/04/economia/marina-berlusconi-attenti-agli-eccessi-dei-giganti-di-internet-gK8r5deMfzcZhJZi4DkgVI/pagina.html (Piersilvio e Barbara Berlusconi hanno studiato in una scuola steineriana, ora non so quanto queste scuole siano vicine e similari al pensiero Steineriano delle origini, dovrebbero essere in linea teorica consapevoli che loro stessi propinano un certo tipo di materialismo, direi alquanto 'malsano', quando in origine esso serviva solo per condurre un'esistenza terrena possibilmente dignitosa, ma è notoriamente risaputo che "il troppo stroppa". E' possibile elevarsi spiritualmente ipnotizzandosi passivamente con mediaset premium? Ma soprattutto è possibile familiarizzare con la spiritualità quando si conducono giorante lavorative ai limiti delle proprie possibilità? vivacchiando in una condizione in cui viene ceduto quasi tutto il proprio tempo al servizio del soddisfacimento di bisogni che in realtà sono utili solo in una certa misura, se lo Spirito mi indica di recarmi su un sito di compravendita online e acquistare un libro di alchimia o di sciamanesimo è un conto, ma se da li si eccede fino al voler acquisire lo status di "compratore" dove non si cerca l'informazione intesa come deposito di conoscenza, soltanto per riempire gli scaffali del proprio armadio e dove un giorno tutto ciò sarà costretto ad abbandolarlo in quanto non potrò portarmelo dopo la morte, in quel caso potrei dire che "la povertà non consiste soltanto nel vivere una vita di stenti ma anche nell'impulso di dover possedere qualcosa, Castaneda disse "l'interesse dell'uomo di oggi è equivalente a quello di un animale da preda, ovvero: possedere, usare, depredare, e annichilire fino a distruggere" e cosa soggiace dietro a questo tipo di comportamento? un'insopprimile ansia frammista ad una noia, un qualcosa di indefinibile, quella fessura di conoscenza silenziosa che sta alla base di tutto, siamo nati nel silenzio e lo scopo della vita è fare esperienza nella materia per poi ritornare in quell'indistinto silenzio da dove abbiamo origine). Amazon, cosi come Facebook, rappresentano soltanto dei palliativi , degli anestetici, ma giungerà un epoca in cui dovremo tutti misurarci con noi stessi, e il nuovo ordine mondiale svolge il ruolo del demolitore, proprio perchè se non si smantella una struttura non è possibile crearne una ex--novo, basata su altri presupposti, in quanto nella natura vibratoria dell'energia ogni inizio determina e influisce su tutto il resto. Com'è possibile dedicarsi alla ricerca e all'esplorazione di sè stessi se ci sono miriadi di diversivi finalizzati a tenerci "belli quieti e tranquilli" in quest'ipnosi massificata?

    RispondiElimina
  5. http://www.ilgiornale.it/news/cronache/marina-berlusconi-regole-i-giganti-web-1470271.html
    http://www.anticorpi.info/2015/10/rudolf-steiner-e-le-confraternite-delle.html (la guerra fra i vari blocchi come la Russia, gli Usa e la Cina e il resto dei rimanenti paesi è anche una guerra volutamente sottaciuta per contendersi il dominio fra le principali "lobby eggregoriche finto-spiritualizzate").
    (Secondo la ricerca di Steiner, l'evoluzione umana attraverserebbe 'grandi periodi' di sviluppo, durante i quali determinati popoli avrebbero il compito di guidare l'umanità in senso spirituale. Nel corso dei millenni tale ruolo sarebbe stato ricoperto da popoli diversi, ognuno dei quali particolarmente indicato per apportare qualità specifiche, in maniera benevola, alla intera umanità. Tale situazione non implicherebbe alcuna forma di controllo politico o imperialismo - né alcuna presunzione di superiorità nazionale o razziale. Avrebbe a che fare invece con una sorta di autorità spirituale. Steiner asserì che al mondo occidentale, ed in particolare ai popoli di lingua inglese, spettasse il compito di introdurre un certo tipo di (benefico) materialismo all'interno dello sviluppo umano).
    (Era previsto che tale compito dovesse essere sviluppato solo fino a un certo punto. Era necessario affinché gli esseri umani entrassero in una forte comunione con il mondo terreno, per poi sviluppare una coscienza individualizzata (Se). Tuttavia tale compito comportava una serie di potenziali implicazioni distruttive. La filosofia materialistica è regressiva - affermava Steiner - in quanto preclude una visione spirituale dell'esistenza e agisce in modo malevolo sul percorso evolutivo umano. Le confraternite anglo-americane assetate di dominio sull'umanità. essendo ben consapevoli di tutto ciò - e del tutto restie a cedere il loro ruolo di 'guida' - oggi starebbero deliberatamente sponsorizzando diversi tipi di materialismo nella speranza di arrestare il processo di sviluppo dell'umanità. Il loro scopo sarebbe quello di impedire che gli esseri umani superino l'attuale fase di immersione nella materialità. In altre parole si adopererebbero affinché non ci riconnettiamo liberamente al nostro Se spirituale, in quanto consapevoli che il giorno in cui ciò accadesse, perderebbero ogni tipo di ascendente sul mondo. Il progresso umano dipende dalla conoscenza spirituale, quindi tali confraternite occulte lavorerebbero nell'ombra contro di essa.)

    RispondiElimina
  6. MA BASTA ! - B A S T A - ! ! ! !


    E' impellente, urge ed è assolutamente necessario BOICOTTARE questa GENTAGLIA, e NON far loro guadagnare - PIU' NIENTE - , lo stesso NIENTE che fanno guadagnare a NOI (tanto per COMINCIARE). 1° PUNTO e a CAPO.

    Sono soltanto dei PERICOLOSISSIMI matti, dei delinquenti e SPUDORATI ladroni. SMETTIAMO DI PRENDERE SUL SERIO sia loro che quei quattro IMBECILLI che si AUTODEFINISCONO "governo"; incaricati UNICAMENTE, dagli "altri sopra", di SVUOTARCI le tasche. 2° PUNTO e a CAPO

    Occorre, però, che la popolazione si dia una "GRAN REGOLATA", smettendo le umili vesti di pecoroni e SCEMI CONTENTI, di far guadagnare IMMENSE masse di denaro in cambio di SPICCIOLI, ( addirittura con MALTRATTAMENTI, ABUSI e arroganti IMPOSIZIONI e OBBLIGHI) a questa IMMORALE, INSANA e RARA specie di BESTIE. 3° PUNTO e a CAPO.

    Purtroppo, ancor prima di questi MOSTRI, nostri ACERRIMI NEMICI sono diventati proprio quella parte di popolazione (i cani da guardia di "costoro") che a causa della contaminazione si è TRASFORMATA in una loro RIDICOLA PARODIA...
    SVEGLIAMO questi ultimi...ed E' FATTA ! ! !

    FINE.

    RispondiElimina
  7. Le "AMAZZONI" (di MATRIARCALE memoria) si staranno rivoltando nei sepolcri per
    l' OLTRAGGIO...

    ONORIAMO e VENDICHIAMO queste CORAGGIOSISSIME guerriere, alle quali pochi uomini e quasi nessuna donna poteva e può ancora PAREGGIARSI

    Oggigiorno poi, con questi "VILI" chiari di luna...

    MEGLIO LASCIAR PERDERE !

    RispondiElimina
  8. Come del corpo, l' equilibrio o la sua mancanza è rivelata dalla forma dei piedi; così lo sguardo ed anche la forma degli occhi, dicono TANTO dei pensieri e dell' atteggiamento ed equilibrio mentale...

    Lo sguardo di questo tizio mostra TUTTA la sua FOLLIA e CRUDELTA'. I suoi sono gli occhi di un MATTO.
    Ho guardato attentamente le foto di questi immorali e narcisisti SFRUTTATORI, che, per divenire tali, devono aver subito tremende VIOLENZE fisiche, mentali o entrambe; e in tutti, dal primo all' ultimo, ho notato lo stesso sbilanciamento. Non si tratta, non sto parlando di strabismo, di un mal posizionamento, di una semplice per quanto problematica asimmetria; ma dei "messaggi" che, sia l' occhio sinistro dell' intuizione che quello destro della ragione, INVIANO e COMUNICANO.

    L' umanità ha attraversato esperienze tragiche, periodi tremendi; ma fino all' incirca una settantina di anni fa le persone avevano ANCORA una forte dose di UMANITA', di stabilità mentale e di intelligenza deduttiva (nonostante la loro non certo facile epoca storica), che si nota (se cercate nelle vecchie foto lo comproverete) negli sguardi di allora.

    Oggi però, l' uomo sta correndo un irreversibile pericolo, il più GRAVE dei danneggiamenti possibili: "sta perdendo la sua UMANITA'".

    Io non credo a forze NEMICHE esterne al pianeta terra; ma SI a delle interne.
    I VERI NEMICI degli uomini non sono da ricercare, né nel "probabile", né nell' "impossibile"...MA nell' IMPROBABILE. Se "ALCUNI" ci ODIANO così tanto, una RAGIONE che giustifichi questo odio ci deve pur ESSERE.

    Tiamat

    RispondiElimina
  9. Se il 4 marzo andate a votare poi NON AZZARDATEVI A ROMPERE I COGLIONI con le vostri inutili lamentele di cui non frega un cazzo a nessuno, ma proprio nessuno, a me in primis.

    Per chi vota, siete senza speranza e posso solo auspicare un'estinzione vostra e degli stronzi criminali a cui date fiducia - vi meritate si vede, quindi fuori dal cazzo entrambe le parti, non ci mancherete affatto nel NUOVO PARADIGMA!!!

    RispondiElimina
  10. "L'INDIVIDUO E' ANDICAPPATO DA TROVARSI FACCIA A FACCIA CON UNA COSPIRAZIONE COSI'
    MOSTRUOSA CHE NON PUO' CREDERE CHE ESISTA"
    J. Edgar Hoover
    (non ho voluto cambiare la pessima traduzione di questa che è una delle sue poche citazioni rimaste, sicuramente perché GIA' note prima della sua "morte")


    Ma come, questa roba "dietrologica" è stata scritta da quello stesso J. E. Hoover che è stato a capo dell' F.B.I.?!?

    Ebbene SI, proprio LUI ! !

    Ma vediamo un po' chi è stato e cosa ha fatto REALMENTE quest' uomo così CONTROVERSO:
    Allora, all' inizio della sua carriera apprezzatissimo da quel sistema che lo mise a dirigere (per ben 42 anni)l' F.B.I., ma odiato dagli anarchici e da molti altri.
    Hoover era un uomo di sani principi, ma soprattutto in BUONA FEDE, (cosa BEN DIVERSA dall' essere in mala fede!); quindi, pensando
    di far bene, fedele all'establishment.
    Lui non si preoccupava di essere corretto o meno con gli anarchici, in quanto credeva che la cosa più giusta fosse difendere la "democrazia". Poi ci fu l' uccisione di Kennedy, ma gli dissero di NON INDAGARE TROPPO (ed io credo che appunto da quest' episodio, ma mi posso sbagliare, cominciarono i suoi dubbi)
    Quindi cosa fa ad un certo punto il nostro uomo ? Comincia, alla chetichella e con l' aiuto dei "suoi investigatori" (che gli erano fedeli, il che dimostra che nei rapporti umani era un brav' uomo) ad INDAGARE il vertice degli INDAGATORI, ossia i POTENTI ! !
    Da quel momento in poi non si sa molto, se non da CERTE sue affermazioni come la summenzionata. In tutti i modi fu BLOCCATO con un "bell' attacco cardiaco" nel suo ufficio (Se uno muore dopo i sessanta chi può "MAI" sospettare che sia stato assassinato !?!)
    Comunque, dopo qualche mese "muore" anche il suo più intimo amico nella casa che era stata di Hoover, e in cui si era trasferito per volontà di quest' ultimo per "studiare l' archivio segreto"...Ovviamente SCOMPARSO !
    Concludo precisando, che TUTTO lo SPUTTANAMENTO fatto piovere su quest' uomo, (con annesso film diretto da quel fascista di Clint Eastwood, che nel suo racconto descrive CHIUNQUE meno Hoover), non ha altra funzione che quella di NASCONDERE e di VENDICARSI. Volevano addirittura rimuovere il nome di Hoover dall' edificio dell' F.B.I....ma c' hanno poi ripensato... perché, (come dice il proverbio):
    "Se smuovi la merda poi puzza".

    Chiudo con un' altra sua citazione:
    "NON CI SONO LEGGI NE' PUNIZIONI CHE POSSANO RISOLVERE PROBLEMI CHE HANNO ORIGINE NELLA FAMIGLIA".

    Tiamat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "L'INDIVIDUO E' ANDICAPPATO DA TROVARSI FACCIA A FACCIA CON UNA COSPIRAZIONE COSI'
      MOSTRUOSA CHE NON PUO' CREDERE CHE ESISTA"
      J. Edgar Hoover

      non solo ma se si aggiunge anche lo scetticismo generalizzato delle masse il quale è il loro (organizzazioni di potere occulto) punto di forza, ed è proprio ciò che gli conferisce la
      possibilità di poterla fare sempre franca.

      Elimina
  11. Tim Wu mi piace.

    Tim Wu annuncia: "E' IN ARRIVO UNA RIVOLTA".

    Tim Wu dice il VERO.

    Ed io ci CREDO.

    RispondiElimina
  12. Ma veramente vogliamo RINUNCIARE ai nostri PREZIOSI SMART THINKS in cambio a degli INUTILI SMART THINGS ?????????????

    A meno che uno non sia CIECO (e in questo caso mi taccio), o COMPLETAMENTE IDIOTA: per quale MALEDETTO MOTIVO dovrebbe aver bisogno di un frigorifero smart che gli dica quali cibi sono finiti e cosa comprare?!? O di uno specchio smart che gli dica che gli sono spuntati dei brufoli e quale prodotto usare ?!? O di una valigia smart che lo guidi o qualsiasi altra "diavoleria" del genere !?!
    La pochissima fantasia di questa GENTAGLIA, sulle possibilità d' uso della tecnologia, la dice lunga su quanto siano TARATI e quanto sia vero che lo SCOPO FINALE NON E' il BENESSERE e l' EVOLUZIONE umana ma il PROFITTO, e non solo tout court ma sull' INUTILE, dato che l' UTILE (Oh per l' amor di dio l' utile no..!)-(Psss. si tratta di quell' assatanato che adorano..!) ci farebbe VERAMENTE star bene...TUTTI, anche questi dementi che finalmente potrebbero avere delle facce decenti invece di quelle che si ritrovano

    Centomila anni per giungere alla complessità cerebrale che ci ritroviamo (ad amor del vero NON TUTTI !), per riempire i nostri crani di dati e mo', improvvisamente, vogliamo SVUOTARLI e trasferire TUTTA 'sta massa di materia grigia a degli oggetti ???


    MA SIETE TUTTI MATTI DA LEGARE !


    ZOE


    RispondiElimina
  13. Chiedo venia per l'oltre topic ma non sono riuscito a trattenermi, in arrivo Minor(ati)ity Report:
    http://www.dire.it/30-10-2017/151326-ecco-pins-come-ti-scovo-il-terrorista-guardandolo-in-faccia/ (quali sono i parametri per poter stabilire con certezza assoluta se la gestualità del corpo di una persona può essere considerata "potenzialmente o socialmente pericolosa" quindi pronta ad entrare in azione? guardandolo in faccia, osservandolo in ogni minimo dettaglio? se una persona è turbata, agitata o inquieta per i piu svariati motivi, tra i quali anche quelli piu all'apparenza ridicoli i banali ad esempio, se uno deve espletare le proprie funzioni fisiologiche, sente la necessità impellente di svuotare l'intestino e si guarda intorno con fare smarrito se nei dintorni o nei paragi ci sono dei bar con annessa toilette oppure dei bagni pubblici o anche a pagamento, mi chiedo può essere "attenzionato", con quel suo fare sospetto, ma sospetto dal punto di vista di chi? c'è occhio e occhio, c'è l'occhio del grande fratello, c'è l'occhio del passante insospettito, c'è l'occhio predatore di chi fiuta la sua potenziale preda, e c'è l'occhio spersonalizzato di chi ha ripulito come si deve il corpo aurico dove si annidano le perturbazioni elettromagnetiche delle forme-pensiero disturbanti.Si può inibire la naturale gestualità e l'espressività del corpo a discapito di una gestualità rigida, repressa e soprattutto uniformata e conformata ad un modello sociale che ha dichiarato guerra in modo subdolo a tutte quelle espressioni umane che si sono formate nel corso di millenni se non addirittura migliaia di anni di evoluzione? Forse il titolo corretto dovrebbe "come ti scovo chi non è allineato al diktat imperante del momento, scrutandolo e scansionandolo al pari di un androide cibernetico il quale rileva e segnala ogni potenziale anomalia sistemica".
    https://www.quicosenza.it/news/le-notizie-dell-area-urbana-di-cosenza/cosenza/196929-terrorismo-sociale-in-calabria-si-combatte-con-il-pins-pre-attack-indicators
    (la nuova “Atlantide” per una società migliore? la nuova atlantide di Francis Bacon? questi confondono l'intuito con i deliri paranoici, l'intuito è ben altra cosa che sorvegliare e monitorare "silenziosamente" ogni eventuale comportamento che esce fuori dal tracciato sociale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MI HAI FATTO SBELLICARE DALLE RISATE...FINO ALLE LACRIME...:-)))

      Elimina
  14. https://www.quicosenza.it/news/le-notizie-dell-area-urbana-di-cosenza/cosenza/196929-terrorismo-sociale-in-calabria-si-combatte-con-il-pins-pre-attack-indicators/2" E dobbiamo tutelare la collettività però d’altro canto la collettività, i cittadini devono anche darci la partecipazione attiva. Occorre che i cittadini devono denunciare, partecipare ciò che loro vedono perché non è una battaglia solo ed esclusivamente delle forze di polizia ma è una realtà che riguarda l’intero mondo civile". Mi sa tanto di controllo del vicinato: http://poteriocculti.mastertopforum.biz/i-buoni-i-cattivi-e-il-controllo-vt5538.html
    "Hai mai visto il tuo Avversario ? Veste di nero e di nebbia teme la Luce. Phobos lo accompagna
    nebbia sul tuo potere. Deimos è il suo strale
    bagliori nella notte dell’Anima. L’Avversario ha il volto velato. Il tuo. http://losfidante.marenectaris.net/testo/ (Giorgio Gaber cantava" i mostri che abbiamo dentro") il controllo che dovrebbe essere esercitato dovrebbe essere su se stessi non sugli altri. L'unica cosa che si dovrebbe "fermare o arrestare" è quel flusso incessante e ininterrotto composto da: dialoghi, musiche, constatazioni verbali, domande e relative risposte sul passato, sul presente e sul futuro, sulla propria storia personale, immagini mentali, associazioni di idee caotiche che si susseguono nella mente,ecc..." solo dopo aver acquietato la mente è possibile ottenere la sicurezza in primis in se stessi e successivamente si può venire a generare una sorta di stabilità sociale. La pace non quella artificiale equivale a liberarsi del caos mentale ed emotivo non consiste di certo nel barattare i proprio residui di libertà rimasti in cambio di una sicurezza illusoria.
    https://it.wikipedia.org/wiki/Equilibrium_(film) (le emozioni non vanno represse, ma fatte salire a galla in modo da poterle osservare ed essere successivamente consapevolizzate).

    RispondiElimina
  15. La nostra è un epoca davvero "straordinaria"! Attraversiamo le quattro stagioni nel giro di 12 ore... Effetto serra ? Mah, io so soltanto che prima di ogn' uno di questi accelerati passaggi di stagione, nel cielo (che io guardo, al contrario di polli, galline e animali da "cortile" e di "allevamento" vari) si incrociano, in brutti disegni, lunghe e strette finte nuvole che fuoriescono dai culi di aerei. Sarà che con questa storia degli "oggetti intelligenti" (smart things), ora anche gli aerei cagano ?


    L'osservatore

    RispondiElimina
  16. https://www.youtube.com/watch?v=joqqRuU3OAM
    (per suscitare la curiosità delle persone che mi stanno attorno, ho notato che un buon stratagemma è quello di osservare il cielo con lo sguardo rivolto verso l'alto, è in grado di aggirare le barriere dogmatiche della mente, molti si chiederanno "perché guarda il cielo, cosa ci sarà da guardare?", prima o poi qualcuno noterà ad un livello subliminale e successivamente razionalizzerà che c'è qualcosa che stona, qualcosa di insolito, che il cielo da alcuni anni a questa parte non è quello che conoscevano prima).

    RispondiElimina
  17. Ciao Master è da tanto che non commento :)
    SE ancora non l hai fatto ti consiglio gli articoli di paolo BArnard sul mostro tech AI,il punto è che stanno preparando qualcosa di mostruoso con questa cosa dello "smart"-tra l altro la vera traduzione non è intelligente bensì amputare distruggere e già questo la dice lunga...non so se avete notato ma avete visto quante pubblicità anche di prodotti non tecnologici ci infilano dentro i termini smart,connected ecc?!
    Ma già questa "opera d arte" che faceva da coreografia a una riunione BIlderberg la dice lunga da cosa sono ispiritati questi signori
    https://www.youtube.com/watch?v=hbTQ_-uiLtM
    Anche sulle smart cities ci sarebbe molto da dire...Per tirare su il morale vi lascio con questo intervento di Enzo BRaschi sugli indiani d america https://www.youtube.com/watch?v=Tzc7l80OW7o
    BUona vita da SoylentGReen :)

    RispondiElimina
  18. "POVERI INFUENCER"

    Non sto affatto facendo del sarcasmo, alcuni di loro mi fanno davvero pena; come ad es. una che "pare" abbia un milione di seguaci, che se anche fosse vero non ci sarebbe da andare tanto fieri, essendo questi il PEGGIO della popolazione. Nel suo caso, il più triste per come io lo percepisco, malgrado ciò che dicono e il successo che riscuote, è VISIBILMENTE lei stessa la prima a stupirsi e dubitare di questa IMPROVVISA e IMMERITATA carriera, mostrandolo nell' espressione INFELICE e INSICURA della faccia e del corpo. Sicuramente non capisce nemmeno le VERE RAGIONI del perché, PROPRIO LEI, è stata CATAPULTATA così in ALTO, e non sospetta nemmeno che - E' APPUNTO - per la sua MANCANZA di ARMONIA e PROPORZIONI, per quel suo somigliare a certe ragazzette dei cartoni animati di ultima generazione con il quale si vuole imporre alla gente un nuovo paradigma di BRUTTEZZA facendola PASSARE per BELLEZZA (alla faccia di quel grande russo che diceva: "LA BELLEZZA SALVERA' IL MONDO").
    Ce n' è un altro, sempre nel campo dell' estetica e della moda, la cui espressione facciale è UGUALE IDENTICA a quella di una scatola di cartone VUOTA.
    Poi ci sono gli influenzatori culturali, politici, religiosi etc., a questi vengono richieste alcune particolari competenze ma non necessariamente estetiche, in primis: quando esercitano in mala fede, una GRAN FACCIA di CULO, (su quelli in buona fede, come anche per i sopracitati, stendiamo un velo pietoso), poi furbizia, un po' di "quella cultura" che non serve a un cazzo e in fine un po' di PNL (efficace soltanto con i PERFETTI idioti).
    Hanno ottimi stipendi...Però quante frustrazioni "portano a casa" SENZA nemmeno FIATARE: venendo SGRIDATI o LODATI come umili e sottomessi SERVI, e MANOVRATI come INANIMATI burattini.

    Cosicché...POVERI INFLUENCER...


    Aranciamara

    RispondiElimina
  19. L' influencer che citi per primo, quella del milione di seguaci, somiglia in maniera impressionante a questa (guardare per credere): "La capra di Mendes nel video esoterico heliofant"

    RispondiElimina