domenica 30 aprile 2017

LA FINESTRA DI OVERTON


La manipolazione di massa delle coscienze, attraverso quello che io chiamo "Plagio Emozionale" per un'accettazione progressiva di idee considerate tabù, si basa sull'utilizzo della Finestra di Overton.
Questa tecnologia consiste nello spostamento voluto delle opinioni realizzato in diversi step, ciascuno dei quali sposta l'accettazione delle idee di un grado ed una norma verso il suo margine di condivisione.
I think tanks sono preposti alla propaganda dei cambiamenti sociali.
Essi producono e diffondono le opinioni al di fuori della Finestra di Overton, per rendere la società più ricettiva ai cambiamenti ed alle idee proposte.
Gli specialisti assicurano il funzionamento della finestra di Overton: esperti del settore, comunicazione, politici, scienziati, giornalisti, influencer, blogger...

Lo schema di questo processo può essere rappresentato lucidamente dall' esempio di un fenomeno finora considerato impensabile nella società: il cannibalismo.
Fase 0 – Rappresenta lo status quo iniziale, la fase dove il problema è considerato inaccettabile, non lo si discute sui media, e nella società è percepito tabù.

Fase 1 – Il tema si trasforma da "totalmente inaccettabile" a "vietato, ma con deroghe".
Il tema comincia ad essere dibattuto nei salotti buoni ed in certi ambienti considerati di avanguardia, dove le trattazioni assumono il valore di discussioni "scientifiche".
Nello stesso tempo, in sintonia con il dibattito pseudoscientifico, si costituisce l' "Associazione cannibali oltranzisti", le cui dichiarazioni a volte sono citate dai mass media.
L'argomento cessa di essere un tabù e si introduce nello spazio d'informazione.
Conclusione: il tema intoccabile inizia a circolare, il tabù è desacralizzato, sono state create le sue diverse gradazioni.

Fase 2 – Il tema del cannibalismo passa da "oltranzista" ad accettabile.
Vengono inventati termini nuovi e più eleganti: il cannibalismo può essere chiamato "antropofagia".
Questo termine sarà sostituito con un sinonimo più accomodante.
Lo scopo consiste di creare un nuovo linguaggio e nuova terminologia separando la forma della parola dal suo contenuto.
Per avvalorare il concetto viene creato un precedente storico, mitico, reale o meno, che contribuisce alla legittimazione del tema proposto.
Lo scopo principale di questo step è di rimuovere parzialmente la sua illegittimità.

Fase 3 – La finestra di Overton si sposta, trasferendo il tema dal campo "inaccettabile" a quello "ponderato/razionale", che giustifica con la "necessità biologica".
Si afferma, per assurdo, che il desiderio di mangiare la carne umana possa essere dovuto a una predisposizione genetica, "antropofagia" e "antropofobia" diventano sinonimi e vengono volutamente confusi e resi interscambiabili.

Fase 4 – Il tema diventa socialmente accettabile.
Si crea dualismo e divisione attraverso una strumentale polemica basata sia su figure storiche e/o mitiche che su quelle reali create ad hoc dai media.
L' antropofagia comincia a essere dibattuta durante i TG, talk-show, al cinema, nella musica, negli spot, nell'arte.

Fase 5 – "Da socialmente accettabile alla legalizzazione".
Il tema viene dibattuto e diventa cool, si replica autonomamente e automaticamente nei media, nel mondo dello spettacolo, ed assume importanza politica e strategica.
In questa fase per giustificare la legalizzazione viene utilizzato il vittimismo ed il buonismo, sostenendo che tali individui che praticano l'antropofagia sono anch'essi vittime di soprusi ed abusi familiari e che hanno assorbito una cattiva educazione familiare.

Fase 6 – Il cannibalismo da "tema diffuso" diventa finalmente legale, viene consacrato ufficialmente dal potere costituito.
Vengono approvate leggi in parlamento, nascono lobby, si pubblicano ricerche a favore del cannibalismo.
Diventa atteggiamento retrogrado e passatista criticare l'antropofagia.
Si approva la legge, l'argomento arriva nelle scuole ed una nuova generazione viene educata al fatto che tale tema sia la norma.

Ovviamente, l'esempio potrebbe essere differente e riguardare altro argomento come il lavoro gratuito, il divieto di manifestare, l'abolizione dei sindacati e del concetto di tutela sociale, l'accettazione acritica del proprio status sociale subordinato, i vaccini, le droghe, la psicopolizia, la pedofilia, il razzismo, il nazismo, l'omicidio, la tortura, la guerra, fino all'accettazione di un sistema dittatoriale; molti di questi temi sono in parte già stati fatti metabolizzare ai popoli dalla Finestra di Overton. Quale futuro ci aspetta???
Quello che noi oggi riteniamo assurdo, estremo e pura fantascienza, un domani potrebbe divenire realtà ed essere improvvisamente accettato come se nulla fosse, solo perché il nuovo dogma dell'oracolo ha così stabilito.
Buon transumanesimo a tutti...


La finestra di Overton è la gamma di idee il pubblico accetterà.
Il termine deriva dal suo creatore, Joseph P. Overton (1960-2003), un ex vice presidente del Centro Mackinac for Public Policy, che nella descrizione della sua finestra ha sostenuto che la vitalità politica di un'idea dipende principalmente dal fatto che essa rientri nella finestra, piuttosto che su preferenze individuali dei politici. Secondo la descrizione di Overton, la finestra include una serie di politiche considerate politicamente accettabili nel clima di opinione pubblica, che un politico può consigliare senza essere considerato troppo estremo per ottenere o mantenere una carica pubblica.
Overton ha descritto uno spettro la cui gamma va dal "più libero" al "meno libero" per quanto riguarda l'intervento del governo, orientato in verticale su di un asse.
A seconda di come si muove lo spettro, un'idea in un determinato luogo può diventare più o meno politicamente accettabile.
I suoi gradi di accettazione di idee pubbliche sono più o meno:
Impensabile
Radicale
Accettabile
Razionale
Popolare
Politico


La finestra di Overton è un approccio per identificare quali idee definiscano il dominio di accettabilità all'interno di possibili politiche governative di una democrazia. I fautori delle politiche al di fuori della finestra cercano di persuadere od educare il pubblico in modo da spostare e /o espandere la finestra.
I fautori di politiche attuali, o simili, all'interno della finestra cercano di convincere la gente che le politiche fuori di essa debbano essere considerate inaccettabili.
Dopo la morte di Overton, altri hanno esaminato il concetto di aggiustamento della finestra con la deliberata promozione di idee al di fuori di essa, o idee "esterne". La tecnica di persuasione "porta-in-faccia" è simile.
Nel suo libro "The Uncensored War" del 1986, Daniel C. Hallin, studioso di comunicazione, propone tre aree di copertura mediatica in cui un tema può cadere. Le aree sono diagrammate come cerchi concentrici chiamati sfere. Dalla più interna fino all'estremità esse sono la sfera del consenso, la sfera della legittima controversia e la sfera della devianza.
Proposte e posizioni possono essere collocate a diversi gradi di distanza dal centro metaforico e gli attori politici possono combattere ed aiutare a cambiare queste posizioni.

La teoria di Hallin è sviluppata e applicata principalmente come una teoria che spiega vari livelli di obiettività nella copertura mediatica, ma rappresenta anche il contesto in corso tra i media e gli altri attori politici su ciò che conta come legittimo disaccordo, potenzialmente che porta a cambiamenti nei confini tra le sfere. Come spiega uno studio che applica la teoria di Hallin, "i confini tra le tre sfere sono dinamici, a seconda del clima politico e della linea editoriale dei vari media".
Un'idea simile alla finestra di Overton è stata espressa da Anthony Trollope nel 1868 nel suo romanzo Phineas Finn:
"Many who before regarded legislation on the subject as chimerical, will now fancy that it is only dangerous, or perhaps not more than difficult. And so in time it will come to be looked on as among the things possible, then among the things probable;–and so at last it will be ranged in the list of those few measures which the country requires as being absolutely needed. That is the way in which public opinion is made."
"It is no loss of time," said Phineas, "to have taken the first great step in making it."
"The first great step was taken long ago," said Mr. Monk,–"taken by men who were looked upon as revolutionary demagogues, almost as traitors, because they took it. But it is a great thing to take any step that leads us onwards."


Nel suo discorso di "Emancipazione dell'India Occidentale" a Canandaigua, New York, nel 1857, il leader abolizionista Frederick Douglass ha descritto come l'opinione pubblica limita la capacità di coloro che hanno il potere di agire con impunità: "Find out just what any people will quietly submit to and you have found out the exact measure of injustice and wrong which will be imposed upon them, and these will continue till they are resisted with either words or blows, or with both. The limits of tyrants are prescribed by the endurance of those whom they oppress."



Fonti:
https://www.youtube.com/watch?v=-pEYAW0aEMY
https://en.wikipedia.org/wiki/Overton_window
https://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=https://en.wikipedia.org/wiki/Joseph_P._Overton&prev=search
https://it.sputniknews.com/italian.ruvr.ru/2014_09_27/Overton-come-accettare-unidea-inaccettabile-4088/http://fahrenheit912.blogspot.it/2014/10/come-la-propaganda-dei-governi-manipola.html


10 commenti:

  1. il cannibalismo viene correntemente già sdoganato come qualcosa di "divertente" dalla commedia "Santa Clarita's Diet", su Netflix USA.

    RispondiElimina
  2. Netflix è l'avanguardia della FINESTRA in questione :-)

    RispondiElimina
  3. Anonimo cattivo lo volevo fare io questo intervento XD
    Ah comunque non so se corrisponde al vero ma Soros ha acquistato un fottio di azioni della NEtflix ;)
    SoylentGreen

    RispondiElimina
  4. Richard Dawkins, scientista e teorico della "panspermia"(una coglionata), ha affermato che una pedofilia mite può essere accettata...
    (Forse un "mite colpo di accetta",in quella sua folle testa di cazzo piena di panspermia, è quello che ci vorrebbe per fargli capire che NON E' COSI' che si pensa, che si parla e che si fa !?!)

    Lilith

    RispondiElimina
  5. Una donna single ò considerata dagli uomini una DONNA SELVAGGINA, e dalle donne stabilmente accoppiate una PERICOLOSA RIVALE ( a meno che non sia ricca, poiché il denaro in tal caso la protegge ) ; e se tale rimane col passare degli anni, allora POVERA LEI, sarà PERSEGUITATA e condannata al NOMADISMO.
    Il dio patriarca ed i suoi sudditi: i vari adamo ed eva, vogliono spedirla all' inferno.
    Ma le vere donne sono FORTI, e non è detto che ce la facciano ! ! !

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. Benritrovato MDD...:-)

      Lilith

      Elimina
  7. Interessante.
    Basti pensare alla preparazione mediatica e culturale eseguita per rendere accettabile la mass-immigrazione in Europa ( altrimenti detta invasione dello straniero ) fino ad essere codificata dalla Legge.
    Con il corollario di mistificazioni linguistiche che conosciamo : la società multi-etnica diventata sinonimo di società integrata ( ed invece è l'opposto ), il traffico umano trasformato ''magicamente'' dai media mainstream in azione umanitaria ... e via dicendo.

    Bel pezzo.
    Da leggere.
    Lo citerò-e-linkerò sul mio Orlodelboccale.

    ===

    RispondiElimina